TAMARA MARINO IN THE WORLD

Installazione 2012/2017

tecnica: terracotta, legno, pigmento bianco, schede, post da facebook stampate su carta, pagina facebook www.facebook.com/groups/tamaramarino.intheworld

Nasce nel 2012 il progetto TAMARA MARINO IN THE WORLD. Tramite la piattaforma dei social networks l'artista riesce a mettersi in contatto con 18 omonime di tutto il mondo, formando un gruppo virtuale su Facebook cui fanno parte tutte le 19 Tamara Marino, facendo eccezione per un solo membro uomo, Marino Tamara. È uno scambiarsi di informazioni e curiosità e nel 2016 ogni volto diventa una persona con una scheda personalizzata e un ritratto in terracotta bianca. Questo progetto nasce dal bisogno di rapportarsi con gli altri e trovare da questo un confronto e un punto di riflessione. Chi sono? È una delle prime domande che ci poniamo durante tutta la nostra vita, che ha a che fare con la nostra stessa esistenza. Spesso a questa domanda si risponde col proprio nome e cognome, che se fosse diverso nulla toglierebbe alla sostanza, tranne che per un aspetto fondamentale: il significato che ha quel nome per noi. Il nostro nome (e cognome) è intriso di tutta la nostra vita fin da quando eravamo bambini, inclusa quella interiore. Dentro un nome ci identifichiamo. Tamara Marino per l'artista vuol dire scultura, casa, matite, musei, viaggi, Carrara, pesci, campagna, mare, Sicilia. Per qualcun'altra significa Perú, danza, montagne, cucina, matrimonio, fratelli, cane, scacchi, calcio … Ogni persona chiama col proprio nome quel baule di emozioni, persone, ricordi, passioni, lavoro, cultura che le appartengono. Alla domanda Chi sono? si trova un altro significato. Se fossi nata uomo, in un Paese come l'Argentina, e avessi avuto 3 sorelle e … Le nostre vite e il nostro modo di pensare dipendono da una moltitudine di fattori. Spiare le vite degli altri dà maggiore oggettività al fatto che siamo unici pur non essendolo.